Italiens Tag der Republik

2 giugno: La Festa della Repubblica Italiana

Leggi questo articolo in tedesco o in inglese

Il 2 giugno in Italia si celebra la Festa della Repubblica. Nel 2021 la Repubblica Italiana compie 75 anni! Ma perché si celebra il 2 giugno? Scopriamolo insieme! Abbinati al video trovi degli esercizi che sono adatti sia all’utilizzo in classe sia all’apprendimento da autodidatta. Buono studio!

Video: la Festa della Repubblica

2 giugno: la Festa della Repubblica

La Festa della Repubblica Italiana si celebra il 2 giugno ed è un giorno festivo, quindi non si va né a scuola né al lavoro. Perché proprio il 2 giugno? Tra il 2 e il 3 giugno 1946 si tenne un referendum per decidere quale forma di governo dare al Paese: monarchia o repubblica? La Repubblica vinse con il 54% dei voti, poco più della metà. L’Italia divenne così una Repubblica!

scheda elettorale - 2 giugno: La Festa della Repubblica Italiana

1861-1946: Il Regno d’Italia

Prima di diventare una Repubblica, l’Italia era una monarchia. Dall’Unità d’Italia avvenuta nel 1861 fino al 1946, quindi per un totale di 85 anni, l’Italia si chiamava Regno d’Italia ed era una monarchia costituzionale. Ci furono quattro Re d’Italia: Vittorio Emanuele II (1861-1878), Umberto I (1878-1900), Vittorio Emanuele III (1900-1946) e l’ultimo, Umberto II, che ha governato poco più di un mese, dal 9 maggio al 18 giugno 1946, e venne per questo soprannominato “Re di maggio”.

E poi… la Repubblica!

E così dal 1946 l’Italia è una Repubblica. Il primo Presidente del Consiglio (1946-1953) fu Alcide de Gasperi, che ebbe un ruolo di grande importanza nella nascita sia della Repubblica Italiana che dell’Unione Europea.

Alcide de Gasperi 2 - 2 giugno: La Festa della Repubblica Italiana

L’emblema della Repubblica Italiana

emblema repubblica italiana - 2 giugno: La Festa della Repubblica Italiana

L’emblema della Repubblica Italiana è composto da diversi elementi simbolici:

  • La Stella d’Italia, una stella a cinque punte bianca con il bordo rosso. È il simbolo più antico usato per rappresentare l’Italia. Lo si trova infatti in molte iconografie insieme alla personificazione dell’Italia.
italia turrita - 2 giugno: La Festa della Repubblica Italiana
  • La ruota dentata, simbolo del lavoro. Questo simbolo rappresenta l’articolo 1 della Costituzione italiana, secondo il quale l’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro:

«L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.»

  • Il ramo d’ulivo, simbolo di pace e il ramo di quercia, simbolo di forza e dignità. Entrambi i rami rappresentano alberi molto tipici in Italia.

Inno d’Italia (Inno di Mameli)

L’inno ha diverse strofe, qui riportiamo le parti che si cantano solitamente, ovvero la prima strofa e il ritornello.

Inno dItalia.001 - 2 giugno: La Festa della Repubblica Italiana

Italiano

Fratelli d’Italia,
l’Italia s’è desta,
dell’elmo di Scipio
s’è cinta la testa.
Dov’è la vittoria?!
Le porga la chioma,
ché schiava di Roma
Iddio la creò.
(x2)
Stringiamci a coorte,
siam pronti alla morte,
siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.
Stringiamci a coorte,
siam pronti alla morte,
siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò! Sì!

Tedesco

Brüder Italiens,
Italien hat sich erhoben,
Und hat mit Scipios Helm
Sich das Haupt geschmückt.
Wo ist die Siegesgöttin Victoria?
Sie möge Italien ihr Haupt zuneigen,
Denn als eine Sklavin Roms
Hat Gott sie erschaffen.
(x2)
Lasst uns die Reihen schließen,
Wir sind bereit zum Tod,
Wir sind bereit zum Tod,
Italien hat gerufen!
Lasst uns die Reihen schließen,
Wir sind bereit zum Tod,
Wir sind bereit zum Tod,
Italien hat gerufen! Ja!

Inglese

Brothers of Italy,
Italy has woken,
bound Scipio’s helmet
Upon her head.
Where is Victory?
Let her tender her hair to Rome,
Because [as a] slave of Rome
God created her.
(x2)
Let us join in a cohort
We are ready to die,
We are ready to die,
Italy has called.
Let us join in a cohort,
We are ready to die.
We are ready to die,
Italy has called! Yes!

Spiegazione

Italiani, siamo tutti fratelli nonostante le differenze culturali. La nostra nazione si è svegliata e si è messa sulla testa l’elmo di Scipione l’Africano, il condottiero romano che sconfisse Cartagine, il maggior nemico della Roma antica. L’Italia è destinata a vincere perché è erede della Roma antica, che è sempre stata vittoriosa. La dea Vittoria è legata a Roma per disegno di Dio, attraverso le numerose vittorie è diventata sua schiava e in quanto tale, deve darle i suoi capelli (alle schiave si usava tagliare i capelli). Allora uniamoci come un esercito in battaglia (la coorte era un’unità militare dell’esercito romano), disposti anche a morire per l’Italia.

Impara di più!

LETTERATURA: Dante e la Divina Commedia
CORSO D’ITALIANO: Corso d’italiano A1
STORIE: Leggi storie in italiano

Fonte principale informazioni e traduzioni: Wikipedia
La canzone dell’inno d’Italia è preso da kiwanis.it

Italiens Tag der Republik

June 2: Italy’s Republic Day

Read this article in italian

On June 2 is Italy’s Republic Day. In 2021 the Italian Republic will be 75 years old! But why is it celebrated on June 2? Let’s find out together. Together with the video you will find exercises that are suitable for both classroom use and self-paced learning. Have a good study!

Video: Italy’s Republic Day

June 2: Italy’s Republic Day. Why?

Italy’s Republic Day is celebrated on June 2 and it’s a holiday, so no school or work. Why June 2? Between June 2 and 3, 1946 a referendum was held to decide what form of government to give to the country: monarchy or republic? The Republic won with 54% of the votes, just over half. Italy thus became a Republic!

scheda elettorale - June 2: Italy's Republic Day

1861-1946: The Kingdom of Italy

Before becoming a Republic, Italy was a monarchy. From the Unification of Italy in 1861 until 1946, so for a total of 85 years, Italy was called the Kingdom of Italy and was a constitutional monarchy. There were four Kings of Italy: Victor Emmanuel II (1861-1878), Umberto I (1878-1900), Victor Emmanuel III (1900-1946) and the last one, Umberto II, who ruled just over a month, from May 9 to June 18, 1946, and was therefore nicknamed “King of May”.

And then… the Republic!

And so from 1946 Italy is a Republic. The first Prime Minister (1946-1953) was Alcide De Gasperi, who played a major role in the birth of both the Italian Republic and the European Union.

Alcide de Gasperi 2 - June 2: Italy's Republic Day

The emblem of the Italian Republic

emblema repubblica italiana - June 2: Italy's Republic Day

The emblem of the Italian Republic is composed of several symbolic elements:

  • The Star of Italy, a white five-pointed star with a red border. It is the most ancient symbol used to represent Italy. In fact it is found in many iconographies together with the personification of Italy.
italia turrita - June 2: Italy's Republic Day
  • The cogwheel, symbol of work. This symbol represents Article 1 of the Italian Constitution, according to which Italy is a democratic republic founded on labor:

“Italy is a democratic Republic, founded on labor. Sovereignty belongs to the people, who exercise it in the forms and within the limits of the Constitution.”

  • The olive branch, a symbol of peace and the oak branch, a symbol of strength and dignity. Both branches represent very typical trees in Italy.

Hymn of Italy (Hymn of Mameli)

The hymn has several stanzas, here you can find the parts of the song that are usually sung, namely the first stanza and the refrain.

Inno dItalia.001 - June 2: Italy's Republic Day

Italiano

Fratelli d’Italia,
l’Italia s’è desta,
dell’elmo di Scipio
s’è cinta la testa.
Dov’è la vittoria?!
Le porga la chioma,
ché schiava di Roma
Iddio la creò.
(x2)
Stringiamci a coorte,
siam pronti alla morte,
siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.
Stringiamci a coorte,
siam pronti alla morte,
siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò! Sì!

Inglese

Brothers of Italy,
Italy has woken,
bound Scipio’s helmet
Upon her head.
Where is Victory?
Let her tender her hair to Rome,
Because [as a] slave of Rome
God created her.
(x2)
Let us join in a cohort
We are ready to die,
We are ready to die,
Italy has called.
Let us join in a cohort,
We are ready to die.
We are ready to die,
Italy has called! Yes!

Tedesco

Brüder Italiens,
Italien hat sich erhoben,
Und hat mit Scipios Helm
Sich das Haupt geschmückt.
Wo ist die Siegesgöttin Victoria?
Sie möge Italien ihr Haupt zuneigen,
Denn als eine Sklavin Roms
Hat Gott sie erschaffen.
(x2)
Lasst uns die Reihen schließen,
Wir sind bereit zum Tod,
Wir sind bereit zum Tod,
Italien hat gerufen!
Lasst uns die Reihen schließen,
Wir sind bereit zum Tod,
Wir sind bereit zum Tod,
Italien hat gerufen! Ja!

Explanation

Italians, we are all brothers despite cultural differences. Our nation has woken up and put on its head the helmet of Scipio Africanus, the Roman leader who defeated Carthage, the greatest enemy of ancient Rome. Italy is destined to win because it is heir to ancient Rome, which has always been victorious. The goddess Victory is bound to Rome by God’s design, through its many victories she became its slave and as such, she must give to Rome her hair (slaves used to have their hair cut). So let us unite as an army in battle (the cohort was a military unit of the Roman army), willing even to die for Italy.

Learn more!

LETTERATURA: Dante e la Divina Commedia
CORSO D’ITALIANO: Italian Course A1
STORIE: Read stories in Italian

Main source information and song translations: Wikipedia
The song of the hymn of Italy is taken from kiwanis.it

Måneskin – Zitti e buoni • Esercizi

Il gruppo rock italiano Måneskin ha vinto l’Eurovision Song Contest 2021 con la canzone Zitti e buoni. La band romana guidata dal sex symbol Damiano David ha conquistato il cuore dell’Italia e del pubblico europeo. Qui troverai esercizi per la canzone Zitti e buoni, che puoi usare sia in classe con un insegnante che per l’apprendimento da autodidatta.

Måneskin – Zitti e buoni

Esercizi

Måneskin – Zitti e buoni • Official Music Video

Måneskin – Zitti e buoni • Eurovision Song Contest

Censored song

Altre canzoni dei Måneskin

Lo stile di Måneskin è molto vario. Fanno canzoni dure (es. Zitti e Buoni), tranquille (es. Torna a casa, Coraline, Vent’anni) e anche ballabili (es. I wanna be your slave), cantano a volte in italiano e a volte in inglese. Vi consigliamo di ascoltare molte delle loro canzoni per apprezzare questa band!

lovelystreets 8435439302074 Taza Cio che mi fa innamorare di Roma 3 2 - Måneskin - Zitti e buoni • Esercizi

Idee regalo per chi ama l’Italia!

Scopri la nostra libreria online per chi impara l’italiano e ama l’Italia!

Potrebbe interessarti

LETTERATURA: Dante e la Divina Commedia
STORIE: Read a story in Italian
GRAMMATICA: All Italian tenses

Måneskin – Zitti e buoni

Il gruppo rock italiano Måneskin ha vinto l’Eurovision Song Contest 2021 con la canzone Zitti e buoni. La band romana guidata dal sex symbol Damiano David ha conquistato il cuore dell’Italia e del pubblico europeo. Ascoltiamo la canzone!

Vuoi fare degli esercizi su questa canzone? Guarda i nostri esercizi per la canzone Zitti e buoni.

Måneskin – Zitti e buoni

Testo italiano

Loro non sanno di che parlo
Vestiti sporchi, fra’, di fango
Giallo di siga’ fra le dita
Io con la siga’ camminando
Scusami, ma ci credo tanto
Che posso fare questo salto
Anche se la strada è in salita
Per questo ora mi sto allenando 

E buonasera signore e signori
Fuori gli attori
Vi conviene toccarvi i coglioni
Vi conviene stare zitti e buoni
Qui la gente è strana, tipo spacciatori
Troppe notti stavo chiuso fuori
Mo’ li prendo a calci, ‘sti portoni
Sguardo in alto, tipo scalatori
Quindi scusa mamma se sto sempre fuori, ma 

Sono fuori di testa, ma diverso da loro
E tu sei fuori di testa, ma diversa da loro
Siamo fuori di testa, ma diversi da loro
Siamo fuori di testa, ma diversi da loro

No

Io ho scritto pagine e pagine
Ho visto sale, poi lacrime
Questi uomini in macchina
Non scalare le rapide
Scritto sopra una lapide
“In casa mia non c’è Dio”
Ma se trovi il senso del tempo
Risalirai dal tuo oblio
E non c’è vento che fermi
La naturale potenza
Dal punto giusto di vista
Del vento senti l’ebrezza
Con ali in cera alla schiena
Ricercherò quell’altezza
Se vuoi fermarmi, ritenta
Prova a tagliarmi la testa
Perché 

Sono fuori di testa, ma diverso da loro
E tu sei fuori di testa, ma diversa da loro
Siamo fuori di testa, ma diversi da loro
Siamo fuori di testa, ma diversi da loro 

Parla la gente, purtroppo
Parla, non sa di che cosa parla
Tu portami dove sto a galla
Che qui mi manca l’aria
E parla la gente, purtroppo
Parla, non sa di che cosa parla
Tu portami dove sto a galla
Che qui mi manca l’aria
Parla la gente, purtroppo
Parla, non sa di che cazzo parla
Tu portami dove sto a galla
Che qui mi manca l’aria 

Sono fuori di testa, ma diverso da loro
E tu sei fuori di testa, ma diversa da loro
Siamo fuori di testa, ma diversi da loro
Siamo fuori di testa, ma diversi da loro
 

English translation

They don’t know what I’m talking about
Dirty clothes, bro, muddied
Yellow from cigs between your fingers
Walking about with a cig
I’m sorry, but I really believe
I can take the leap
Even if it’s an uphill climb
That’s why I’m training 

And good evening, ladies and gentlemen
Bring out the actors
You better touch wood [lit. touch your balls]
You better be quiet and behave
People here are odd, like pushers
Too many nights I was locked out
Now I’m kicking on these doors
Looking upwards, like a climber
So, I’m sorry mom if I’m always out, but 

I’m out of my mind, but not like them
And you’re out of your mind, but not like them
We’re out of our mind, but not like them
We’re out of our mind, but not like them

No 

I have written pages after pages
I’ve seen salt and then tears
These men in cars
Don’t climb the rapids
Written on a gravestone
“There’s no God in my home”
But if you understand the meaning of time
You‘ll come back from your oblivion
And no wind can stop
The natural power
From the right point of view
You can feel the euphoria of the wind
With wings of wax on my back
I’ll seek out that height
If you’re trying to stop me, try again
Try to cut my head off
Because 

I’m out of my mind, but not like them
And you’re out of your mind, but not like them
We’re out of our mind, but not like them
We’re out of our mind, but not like them

People talk, unfortunately
They talk, they don’t know what they’re talking about
Take me where I can stay afloat
‘Cause here I can’t breathe
People talk, unfortunately
They talk, they don’t know what they’re talking about
Take me where I can stay afloat
‘Cause here I can’t breathe
People talk, unfortunately
They talk, they don’t know what the fuck they’re talking about
Take me where I can stay afloat
‘Cause here I can’t breathe 

I’m out of my mind, but not like them
And you’re out of your mind, but not like them
We’re out of our mind, but not like them
We’re out of our mind, but not like them

I Måneskin all’Eurovision Song Contest 2021

Måneskin Zitti e buoni Eurovision

Altre canzoni dei Maneskin

Lo stile di Måneskin è molto vario. Fanno canzoni dure (es. Zitti e Buoni), tranquille (es. Torna a casa, Coraline, Vent’anni) e anche ballabili (es. I wanna be your slave), cantano a volte in italiano e a volte in inglese. Vi consigliamo di ascoltare molte canzoni di loro per apprezzarle veramente.

Potrebbe interessarti

LETTERATURA: Dante e la Divina Commedia
STORIE: Read a story in Italian
GRAMMATICA: All Italian tenses

bella ciao

Bella Ciao

The song Bella Ciao is the song of the Italian resistance and partisans who fought against Mussolini’s fascist dictatorship and the occupation by Hitler’s Nazi soldiers. It is the song of April 25, the day Italy celebrates the liberation from Nazi fascism.

The beginning can differ between una mattina (one morning) or stamattina (this morning).

The song in the video is sung by Fonola Band.

You can find MATERIAL in Italian about this song and about April 25 in our post il 25 aprile in Italia.

Bella Ciao

Testo italiano

Stamattina mi sono alzato,
Oh bella, ciao! Bella, ciao! Bella, ciao, ciao, ciao!
Stamattina mi sono alzato,
E ho trovato l’invasor.

Oh partigiano, portami via,
Oh bella, ciao! Bella, ciao! Bella, ciao, ciao, ciao!
Oh partigiano, portami via,
Ché mi sento di morir.

E se io muoio da partigiano,
Oh bella, ciao! Bella, ciao! Bella, ciao, ciao, ciao!
E se io muoio da partigiano, tu mi devi seppellir.

E seppellire lassù in montagna,
Oh bella, ciao! Bella, ciao! Bella, ciao, ciao, ciao!
E seppellire lassù in montagna,
Sotto l’ombra di un bel fior.

Tutte le genti che passeranno,
Oh bella, ciao! Bella, ciao! Bella, ciao, ciao, ciao!
Tutte le genti che passeranno,
Mi diranno «Che bel fior!»

«E questo è il fiore del partigiano»,
Oh bella, ciao! Bella, ciao! Bella, ciao, ciao, ciao!
«Questo è il fiore del partigiano,
Morto per la libertà!»

Traduzione

This morning I woke up,
Goodbye my beautiful! Goodbye my beautiful! Bye, bye, bye my beautiful!
This morning I woke up,
And I found the invader.

Oh partisan take me away,
Goodbye my beautiful! Goodbye my beautiful! Bye, bye, bye my beautiful!
Oh partisan take me away,
Because I feel like I’m dying.

And if I die as a partisan
Goodbye my beautiful! Goodbye my beautiful! Bye, bye, bye my beautiful!

And if I die as a partisan,
You must bury me.

Bury me up there, on the mountain,
Goodbye my beautiful! Goodbye my beautiful! Bye, bye, bye my beautiful!
Bury me up there on the mountain,
Under the shadow of a beautiful flower.

And all the people passing by Goodbye my beautiful! Goodbye my beautiful! Bye, bye, bye my beautiful!
And all the people passing by,
Will tell me: «What a beautiful flower!»

«And this is the flower of the partisan», 
Goodbye my beautiful! Goodbye my beautiful! Bye, bye, bye my beautiful!
«This is the flower of the partisan,
Who died for freedom.»

Learn more about April 25, Liberation Day in Italy in our article.

With video in Italian and exercises.

Il 25 aprile in Italia: la Festa della Liberazione

Leggi questo articolo in inglese o in tedesco

Il 25 aprile si celebra la liberazione dell’Italia dal nazifascismo e si ricordano i partigiani e la Resistenza Italiana. Il simbolo di questa giornata è la canzone Bella Ciao. Scopriamo insieme la storia di questa giornata!

Video: Il 25 aprile in Italia

Il 25 aprile in Italia: la Festa della Liberazione

Il 25 aprile si festeggia la liberazione dell’Italia, avvenuta nel 1945, dalla dittatura fascista e dall’occupazione nazista. In particolare si ricorda la Resistenza Italiana, formata dai partigiani, che ha aiutato le forze anglo americane a liberare l’Italia. Come data simbolica è stata presa la liberazione della città di Milano avvenuta il 25 aprile 1945.

In Italia il 25 aprile è un giorno festivo, quindi non si lavora e non si va a scuola. Le città organizzano diverse manifestazioni e particolarmente grande è la manifestazione organizzata a Milano.

Simbolo di questa giornata è la canzone partigiana Bella Ciao, diventata famosissima in tutto il mondo grazie alla serie di Netflix La casa di carta.

25 aprile in italia milano - Il 25 aprile in Italia: la Festa della Liberazione

Un po’ di storia

Partiamo con il regime fascista di Mussolini. Mussolini era il leader del Partito Nazionale Fascista e nel 1922 organizzò la famosa Marcia su Roma. Circa 50.000 camicie nere (le forze armate di Mussolini) andarono a Roma, dove si trovava il Re d’Italia Vittorio Emanuele III. Mussolini voleva ottenere la guida del Regno d’Italia e minacciò la presa del potere con la violenza. Il re cedette alle pressioni di Mussolini e lo incaricò di formare un nuovo governo. Così iniziò il regime fascista (1922-1945), che divenne una vera e propria dittatura.

La seconda guerra mondiale (1939-1945)

Nel 1939 Hitler invase la Polonia e così iniziò la seconda guerra mondiale. L’Italia entrò in guerra a fianco di Hitler un anno dopo, nel 1940. L’Italia e la Germania, insieme al Giappone, furono le cosiddette forze dell’Asse. Dall’altra parte combattono le forze degli Alleati, le cui quattro principali potenze sono il Regno Unito, l’Unione Sovietica, gli Stati Uniti e la Cina.

25 aprile

1943: l’armistizio

Nel 1943 la guerra non stava andando molto bene per l’Italia fascista. Il 9 luglio gli Alleati sbarcarono in Sicilia e il 25 luglio il re fece arrestare Mussolini e il suo posto al governo viene preso dal generale Badoglio. L‘8 settembre l’Italia firma l’armistizio con gli Alleati, quindi l’Italia non combatte più contro le forze anglo americane.

A quel punto l’esercito tedesco liberò Mussolini e occupò i territori del Nord e Centro Italia fino a Roma. Il re fuggì da Roma e si rifugiò più a Sud, dove c’erano gli Alleati. Su ordine di Hitler, Mussolini fondò a Nord la Repubblica Sociale Italiana (RSI), anche conosciuta come Repubblica di Salò. Non si trattava di un vero e proprio stato, bensì di uno stato fantoccio sotto il controllo dei militari tedeschi. Nei territori occupati dai nazifascisti si formarono gruppi di ribelli, i partigiani.

Chi erano i partigiani?

I partigiani erano la Resistenza Italiana contro la dittatura fascista e l’occupazione nazista. Il loro aiuto fu fondamentale per la liberazione dell’Italia da parte delle truppe anglo americane. I partigiani erano persone del popolo che si armavano come potevano. Facevano parte di diversi orientamenti politici (comunisti, azionisti, monarchici, socialisti, democristiani, liberali, repubblicani, anarchici), riuniti insieme nel Comitato di Liberazione Nazionale. Si nascondevano principalmente sulle montagne e indebolivano il nemico con insurrezioni e sabotaggi, per esempio danneggiando le vie di comunicazione e dei trasporti. Anche le donne ebbero un ruolo importante e spesso erano le staffette che portavano informazioni e messaggi.

25 aprile

L’insurrezione generale

Nell’aprile del 1945 venne organizzata dai partigiani l’insurrezione generale e la maggior parte delle città italiane del Nord Italia vennero liberate ancor prima dell’arrivo delle truppe degli Alleati. Il 25 aprile venne liberata la città di Milano, sede del comando partigiano dell’Alta Italia, e tale data venne presa come data simbolica per la liberazione di tutta l’Italia dai nazifascisti.

La fine della guerra

Il 28 aprile Mussolini venne ucciso e il 2 maggio venne firmata la Resa di Caserta, con cui venne sancita la fine della guerra in Italia. Pochi mesi dopo, il 2 settembre 1945, la seconda guerra mondiale finì in tutto il mondo.

La Resistenza ebbe un ruolo fondamentale per la liberazione dell’Italia e in essa vengono individuate le origini stesse della Repubblica Italiana. La Costituzione Italiana venne scritta da esponenti dei partiti politici che avevano dato vita al Comitato di Liberazione Nazionale, fondando la Costituzione sulla sintesi delle rispettive tradizioni politiche e ispirandola ai principi della democrazia e dell’antifascismo.

25 aprile in italia
25 aprile in italia

Bella Ciao

Bella Ciao

Oh bella ciao! Bella ciao! Bella ciao, ciao, ciao!

Ascolta la canzone in italiano e leggi la traduzione.

Impara di più!

LETTERATURA: Dante e la Divina Commedia
CORSO D’ITALIANO: Corso d’italiano A1
STORIE: Leggi storie in italiano

Fonte principale informazioni: Wikipedia
Canzone Bella Ciao cantata da: Fonola Band

25 April – Italy’s Liberation Day

Read this article in Italian

April 25 is Italy’s Liberation Day, La Festa della Liberazione. It celebrates the liberation of Italy from Nazi fascists and commemorates the partisans and the Italian resistance. The symbol of this day is the song Bella Ciao. Let’s discover the history of this day together!

You can find the VIDEO in Italian with EXERCISES here

25 April: Italy’s Liberation Day

25 aprile in italia milano - 25 April - Italy's Liberation Day

April 25 is Italy’s Liberation Day. It is celebrated the liberation of Italy, which took place in 1945, from the fascist dictatorship of Mussolini and the German Nazi occupation. We remember in particular the Italian Resistance formed by partisans who helped the Anglo-American forces to liberate Italy. As a symbolic date was taken the liberation of the city of Milan on April 25, 1945.

In Italy, April 25 is a public holiday, so you don’t go to work or school. The cities organize various events and the event in Milan is especially big.

The symbol of this day is the partisan song Bella Ciao, which has become world famous thanks to the Netflix series la casa de papel.

A little history

Let’s start with the fascist regime of Mussolini. Mussolini was the leader of the National Fascist Party (Partito Nazionale Fascista) and organized the famous March on Rome in 1922. About 50,000 Blackshirts (Mussolini’s forces) marched to Rome, where the Italian King Vittorio Emanuele III was staying. Mussolini wanted to gain leadership of the Kingdom of Italy and threatened to seize power by force. The king gave in to Mussolini’s pressure and instructed him to form a new government. Thus began the Fascist regime (1922-1945), which developed into a full-fledged dictatorship.

The Second World War (1939-1945)

In 1939, Hitler invaded Poland and thus began the Second World War. Italy entered the war a year later, in 1940, alongside Hitler. Italy and Germany, together with Japan, formed the so-called Axis Powers. On the other side fought the Allies, whose four main powers were the United Kingdom, the Soviet Union, the United States and China.

25 aprile

1943: Armistice

In 1943 the war did not go very well for fascist Italy. On July 9, the Allies landed in Sicily and on July 25, the king had Mussolini arrested and his place in the government was taken by General Badoglio. On September 8, Italy signed the armistice with the Allies, so Italy was no longer fighting the Anglo-American forces.

At this point, the German army liberated Mussolini and occupied the territories in northern and central Italy as far as Rome. The king fled Rome and sought refuge further south where the Allies were. On Hitler’s orders, Mussolini established the Italian Social Republic (RSI) in the north, also known as the Republic of Salò. This was not a real state, but a puppet state under the control of the German military. Rebel groups, the partisans, formed in the areas occupied by the Nazi fascists.

Who were the partisans?

The partisans were the Italian resistance against the fascist dictatorship and the Nazi occupation. Their help was crucial for the liberation of Italy by Anglo-American troops. The partisans were common people who armed themselves as best they could. They belonged to different political tendencies (communists, shareholders, monarchists, socialists, democrats, liberals, republicans, anarchists) gathered in the Committee for National Liberation (it. Comitato di Liberazione Nazionale). They hid mainly in the mountains and weakened the enemy with insurrections and sabotage, for example by damaging communication and transportation routes. Women also played an important role and were often the relay women, carrying information and messages.

25 aprile

The general insurrection

In April 1945, the general insurrection was organized by the partisans and the majority of the Italian cities of northern Italy were liberated before the arrival of the Allied troops. On April 25, the city of Milan, seat of the Partisan Command of Upper Italy, was liberated and this date was taken as a symbolic date for the liberation of all Italy from the Nazi fascists.

The end of the war

On April 28 Mussolini was killed and on May 2 the Surrender of Caserta (it. Resa di Caserta) was signed, sealing the end of the war in Italy. A few months later, on September 2, 1945, the Second World War ended worldwide.

The Resistance played a fundamental role in the liberation of Italy and in it can be seen the origins of the Italian Republic. The Italian Constitution was written by exponents of the political parties that had created the Committee for National Liberation. They based the Constitution on the synthesis of their respective political traditions and inspired it with the principles of democracy and anti-fascism.

25 aprile in italia liberazione - 25 April - Italy's Liberation Day
25 aprile venezia - 25 April - Italy's Liberation Day

Bella Ciao

Bella Ciao

Oh bella ciao! Bella ciao! Bella ciao, ciao, ciao!

Listen to the song in Italian and read the translation.

Impara di più!

LETTERATURA: Dante and the Divine Comedy
CORSO D’ITALIANO: Corso d’italiano A1
STORIE: Read a story in Italian

Modà – Come un pittore

Listening to Italian music is a perfect way to improve your Italian language skills. For our Corso d’italiano A1.1, Unità 2 we have chosen the beautiful song by the Italian group Modà, Come un pittore (Eng. Like a painter). Impara l’italiano con la musica!

In this song the singer Pau Dónes from the Spanish group Jarabe de Palo sings together with Modà. It’s a bit sad because Pau Dónes died on June 9, 2020 (in the video he is the singer with blonde, longer hair).

Download the material, listen to the song and do the exercises. Below you will find the lyrics of the song and the translation. Sing along!

L'italiano con la musica

Modà: come un pittore

Testo italiano

Ciao, semplicemente ciao
Difficile trovar parole molto serie
Tenterò di disegnare
Come un pittore farò in modo
Di arrivare dritto al cuore
Con la forza del colore
Guarda, senza parlare 

Azzurro come te, come il cielo e il mare
E giallo come luce del sole
Rosso come le cose che mi fai provare

Ciao, semplicemente ciao
Disegno l’erba verde come la speranza
E come frutta ancora acerba
E adesso un po’ di blu, come la notte
E bianco come le sue stelle
Con le sfumature gialle
E l’aria, puoi solo respirarla! 

Azzurro come te, come il cielo e il mare
E giallo come luce del sole
Rosso come le cose che mi fai provare

Per le tempeste non ho il colore
con quel che resta disegno un fiore
Ora che è estate, ora che è amore

Azzurro come te, come il cielo e il mare
E giallo come luce del sole
Rosso come le cose che mi fai provare

Traduzione

Hello, just hello
Hard to find serious words
I will try to draw
like a painter I will make sure
that I’ll get right to the heart
With the power of color
Look, without speaking

Light blue like you, like the sky and the sea
And yellow like sunlight
Red like the things you make me feel

Hello, just hello
I draw the grass green like hope
And like unripe fruit
And now a little blue, like the night
And white like its stars
With yellow shades
And the air, you can just breathe it!

Light blue like you, like the sky and the sea
And yellow like sunlight
Red like the things you make me feel

For the storms I have no color
With what remains I draw a flower
Now that it’s summer, now that it’s love.

Light blue like you, like the sky and the sea
And yellow like sunlight
Red like the things you make me feel

torta pasqualina

Torta pasqualina

La TORTA PASQUALINA è una torta salata tipica della cucina ligure (= della Liguria) che viene preparata soprattutto in occasione della tipica gita di Pasquetta, perché si può gustare sia fredda che calda ed è perfetta da portare con sé per un pic-nic! Questa è la RICETTA TRADIZIONALE per preparare la torta pasqualina!

torta pasqualina

Is Italian too difficult for you, but you still want to make the cake? No problem! Watch the video, read the recipe in English and learn useful Italian vocabulary around recipes with the vocabulary list. You can also download the recipe as PDF.

Italian Recipe: La torta pasqualina

Una ricetta di GialloZafferano

Ingredienti

PER IL RIPIENO

  • Spinaci già puliti 1,5 kg
  • Uova medie 12
  • Cipolle  1/2
  • Noce moscata q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Ricotta vaccina 500 g
  • Parmigiano Reggiano DOP da grattugiare 190 g
  • Maggiorana 3 rametti
  • Olio extravergine d’oliva 25 ml

PER LE SFOGLIE

  • Farina 00 600 g
  • Olio extravergine d’oliva 35 ml
  • Acqua circa 350 ml 
  • Sale fino 1 pizzico

TRANSLATE

FOR THE FILLING

  • already cleaned spinach 1,5 kg
  • eggs M 12
  • onions 1/2
  • nutmeg to taste
  • salt to taste
  • Ricotta cheese 500 g
  • Parmesan cheese DOP to grate 190 g
  • Marjoram 3 sprigs
  • Extra virgin olive oil 25 g

FOR THE PUFF PASTRY

  • Pastry Flour 600 g
  • Extra virgin olive oil 35 ml
  • Water about 350 ml
  • Fine salt 1 pinch

Vegetariano
dosi per 8 persone
difficoltà media
Preparazione: 45 minuti
TEMPO DI RIPOSO: 1 ora
cottura: 60 minuti

Preparazione della pasta sfoglia

  • La prima cosa da fare per realizzare la torta pasqualina è preparare l’impasto per le sfoglie che dovranno essere quattro; due serviranno per foderare la base della tortiera e due per ricoprire il ricco ripieno.
  • Sciogliete il sale nell’acqua, e in una ciotola capiente mettete la farina e versate l’acqua, quindi aggiungete anche l’olio e cominciate a lavorare l’impasto all’interno della ciotola; se necessario potete aiutarvi con un tarocco.
  • Quando avrete raccolto tutti gli ingredienti trasferite l’impasto su una spianatoia leggermente infarinata e continuate a lavorarlo per qualche minuto con le mani finché diventerà liscio ed elastico, dopodiché suddividetelo in 4 panetti: 2 più grandi, del peso di circa 300 g, e 2 più piccoli, del peso di circa 180 g.
  • Copriteli con un canovaccio leggermente inumidito e lasciateli riposare per circa un’ora in un luogo fresco.

TRANSLATE

Preparation of the puff pastry

  • The first thing to do in order to make the torta pasqualina is to prepare the dough for the puff pastry, and you’ll need four sheets; two will be used to line the base of the cake pan and two to cover the rich filling.
  • Dissolve the salt in the water, and in a large bowl place the flour and pour in the water, then add the oil and begin to knead the dough inside the bowl; if necessary you can help with a corkscrew.
  • When you have mixed all the ingredients, transfer the dough onto a lightly floured pastry board and continue to knead it for a few minutes with your hands until it becomes smooth and elastic, then divide it into 4 portions: 2 larger ones, weighing about 300 g, and 2 smaller ones, weighing about 180 g.
  • Cover them with a slightly dampened cloth and let them rest for about an hour in a cool place.

Preparazione del ripieno

  • Fate appassire le bietole o gli spinaci (noi abbiamo usato gli spinaci) in una padella insieme all’olio e alla cipolla tritata.
  • Salate, pepate e fate insaporire per qualche minuto, quindi spegnete il fuoco.
  • Una volta che la verdura si sarà intiepidita, lasciatela scolare in un colino, poi sminuzzatela su un tagliere e trasferitela in una ciotola. Aggiungete uova, 50 g di formaggio grattugiato, le foglioline tritate di maggiorana fresca, salate, pepate e amalgamate bene il tutto.
  • In un’altra ciotola mettete la ricotta, lavoratela con un cucchiaio o con una frusta per ammorbidirla e aggiungete 3 uova; mescolate per incorporare le uova e aggiungete 90 g di formaggio grattugiato, la spolverata di noce moscata e un pizzico di sale, poi mescolate bene servendovi di una frusta in modo che il composto risulti piuttosto cremoso e senza grumi.
 

TRANSLATE

Preparation of the filling

  • Wilt the chard or spinach (we used spinach) in a skillet along with the oil and chopped onion.
  • Season with salt and pepper and cook for a few minutes, then turn off the heat.
  • Once the vegetables have cooled, let them drain in a colander, then chop them up on a cutting board and transfer them to a bowl. 
  • Add eggs, 50 g of grated cheese, chopped fresh marjoram leaves, salt and pepper and mix well.
  • In another bowl, put the ricotta, work it with a spoon or a whisk to soften it and add 3 eggs; mix to incorporate the eggs and add 90 g of grated cheese, the sprinkling of nutmeg and a pinch of salt, then mix well using a whisk so that the mixture is quite creamy and without lumps.

Preparazione della torta

  • Prendete uno dei panetti da 300 g e tiratelo con il mattarello fino a farlo diventare una sfoglia sottilissima, allargatela con le mani e disponetela sul fondo di una tortiera del diametro di 30 cm che avrete precedentemente spennellato con l’olio.
  • Anche in questa fase allargatela bene con le mani e fatela aderire perfettamente anche ai bordi della tortiera; non preoccupatevi se la sfoglia fuoriesce dalla teglia perché questa è una caratteristica propria della torta pasqualina.
  • Spennellate la sfoglia con l’olio, prendete il secondo panetto da 300 g, tirate anch’esso con il mattarello e disponetelo sopra alla prima sfoglia facendola aderire bene.
  • A questo punto aggiungete il composto di verdura, livellandolo bene con il dorso di un cucchiaio poi versateci sopra la crema di ricotta e livellate anch’essa.
  • Con il dorso di un cucchiaio praticate sette conche, una al centro e sei laterali, e all’interno di queste conche adagiate i tuorli delle 7 uova rimaste, facendo attenzione a non romperli.
  • Sbattete leggermente i 7 bianchi d’uovo avanzati con un pizzico di sale e versateli per ricoprire la superficie di ricotta.
  • Cospargete la torta pasqualina con il parmigiano rimasto, dopodiché stendete uno dei panetti da 180 g e coprite il ripieno con la terza sfoglia, che sarà più piccola rispetto alle due precedenti; ancora una volta fatela aderire bene alla teglia.
  • Spennellate anche questa sfoglia con l’olio, dopodiché tirate l’ultima sfoglia e coprite il tutto facendo aderire bene la sfoglia come in precedenza.
  • Quindi tagliate la pasta che ricade eccessivamente sui bordi con un coltellino e ripiegatela verso l’interno della tortiera in modo da formare un cordoncino che sigillerà le sfoglie.
  • Spennellate con l’olio la superficie della torta pasqualina e come ultima operazione appiattite bene i bordi con i rebbi di una forchetta, così da formare anche un bel motivo decorativo. 

  • Ora non vi resta che infornare la torta pasqualina in forno già caldo nel ripiano più basso a 180 gradi per 55 minuti (in forno ventilato a 160 gradi per 45 minuti). 

  • A cottura ultimata sfornate la torta pasqualina e prima di toglierla dalla teglia lasciatela intiepidire. Una volta tagliata otterrete delle fette in cui si vedranno chiaramente lo strato di spinaci e di crema alla ricotta nonché i tuorli d’uovo che risulteranno sodi e compatti. Ecco la torta pasqualina pronta per la vostra scampagnata di Pasquetta!

TRANSLATE

Preparation of the cake

  • Take one of the 300 g portion and roll it out with a rolling pin until it becomes a very thin sheet, spread it out with your hands and place it on the bottom of a cake pan with a diameter of 30 cm that you have previously brushed with oil.
  • Also at this stage, spread it well with your hands and make it adhere perfectly to the edges of the cake pan; do not worry if the pastry comes out of the pan because this is a characteristic of the torta pasqualina.
  • Brush the pastry with oil, take the second 300 g portion, roll it out with the rolling pin and place it on top of the first pastry, making it stick well.
  • At this point add the vegetable mixture, leveling it well with the back of a spoon, then pour over the ricotta cream and level it as well.
  • With the back of a spoon, make seven hollows, one in the center and six on the sides, and inside these hollows place the yolks of the remaining 7 eggs, taking care not to break them.
  • Lightly beat the 7 leftover egg whites with a pinch of salt and pour them to coat the ricotta surface.
  • Sprinkle the pasqualina cake with the remaining parmesan cheese, then roll out one of the 180 g portion and cover the filling with the third sheet, which will be smaller than the two previous ones; once again make it adhere well to the pan.
  • Brush this pastry with oil, then roll out the last pastry and cover it all, making the pastry adhere well as before.
  • Then cut the pastry that falls too much on the edges with a small knife and fold it towards the inside of the cake tin to form a string that will seal the sheets.
  • Brush the surface of the torta pasqualina with oil and, as a last step, flatten the edges with the prongs of a fork, so as to form a nice decorative motif.
  • Now you just have to bake the torta pasqualina in a preheated oven on the lowest shelf at 180 degrees for 55 minutes (in a fan oven at 160 degrees for 45 minutes). 
  • When baked, take the torta pasqualina out of the oven and let it cool before removing it from the pan. Once cut you will get slices in which you can clearly see the layer of spinach and ricotta cream and egg yolks that will be firm and compact. Here is the torta pasqualina ready for your Easter Monday trip!

VOCABOLI UTILI

la pasta sfoglia, la sfoglia

puff pastry

il tarocco

[culin.] dough scraper

la spianatoia

pastry board

il panetto

pan, portion [Describes a regular and compact form]

appassire

[culin.] to wilt, lightly fry


sminuzzare

to break into small pieces

il tagliere

cutting board

il grumo

clump

il dorso

back

la conca

bowl, hollow

il rebbio

prong

italienisch mit Rezepten

Torta agnello pasquale

Una torta a forma di agnello dal morbido impasto e ricoperta di cioccolato bianco e scaglie di cocco. Tutto ciò di cui hai bisogno sono pochi ingredienti e uno stampo della forma giusta. Prepara la tua torta e impara l’italiano con le ricette!

Italiano con le ricette

Is the Italian recipe too difficult for you, but you still want to make the cake? No problem! Just read the recipe in English and learn useful Italian vocabulary with the vocabulary list.

Italiano con le ricette: La torta agnello pasquale

Una ricetta di Maria Grazia, dal blog di GialloZafferano

Ingredienti

  • Farina 300 g
  • Uova 4
  • Burro 240 g
  • Zucchero 230 g
  • Vanillina 2 bustine
  • Sale 1 pizzico
  • Lievito 1/2 bustina
  • Cocco rapè q.b.
  • Cioccolato bianco q.b.

TRANSLATE

  • Flour 300 g
  • Eggs 4
  • Butter 240 g
  • Sugar 230 g
  • Vanillin 2 sachets
  • Salt 1 pinch
  • Yeast 1/2 sachet
  • Shredded coconut to taste
  • White chocolate to taste

Vegetariano
facile
Preparazione: 10 minuti
cottura: 30 minuti

Preparazione

  • In una ciotola montate gli albumi a neve con un po’ di zucchero.
  • In un’altra ciotola sbattete i tuorli con lo zucchero rimasto, il sale, il burro e la vanillina fino ad avere un composto compatto.
  • Unite la farina passata al setaccio e il lievito.
  • Incorporate gli albumi montati a neve e amalgamate il tutto.
  • Imburrate e infarinate accuratamente lo stampo, versatevi il composto e infornate a 180° per circa 30 minuti circa.
  • Terminata la cottura sfornate e lasciate raffreddare completamente nello stampo.
  • A questo punto estraete la torta dallo stampo con molta attenzione per non romperla.
  • Rivestite l’intera torta d’agnello con cioccolato bianco fuso a bagnomaria, e prima che il cioccolato si solidifichi, cospargetelo con il cocco rapè.
 
Vi consiglio di fare la torta due giorni prima. Conservate la torta con cura fino al giorno di Pasqua, così da portare in tavola una torta veramente originale.

TRANSLATE

  • In a bowl, whip the egg whites until stiff with a little sugar.
  • In another bowl, beat the egg yolks with the remaining sugar, salt, butter and vanillin until the mixture is firm.
  • Add the sifted flour and baking powder.
  • Incorporate the beaten egg whites and mix everything together.
  • Grease and flour the mold, pour the mixture and bake at 180 degrees for about 30 minutes.
  • Once baked, remove from the oven and leave to cool completely in the mould.
  • At this point, take the cake out of the mold carefully so as not to break it.
  • Coat the entire lamb cake with white chocolate melted in a bain-marie, and before the chocolate solidifies, sprinkle it with shredded coconut.


I recommend making the cake two days in advance. Store the cake carefully until Easter Day, so you can bring a truly original cake to the table.

italienisch mit Rezepten

BUON APPETITO!

VOCABOLI UTILI

montare a neve

to whip until stiff

la ciotola

the bowl

sbattere

to beat

incorporare

to combine, mix

il setaccio

the sift


imburrare

to grease

infarinare

to flour

infornare

to put into the oven

sfornare

to take out the oven

lo stampo

the mold

estrarre

to extract, pull out

a bagnomaria

in a bain-marie

cospargere

to sprinkle